Il palazzo di Drottningholm

Le stanze del palazzo

Nel corso del tempo, due regine hanno lasciato il segno su Drottningholm: Edvige Eleonora, che costruì il palazzo durante l'epoca del Grande Potere, e Lovisa Ulrica, che portò il palazzo nell'era moderna nel XVIII secolo.

Il Palazzo di Drottningholm è cambiato nel corso degli anni e i reali che vi hanno vissuto hanno lasciato il loro segno sugli arredamenti degli interni del palazzo, in accordo con i cambiamenti degli stili e delle mode. Edvige Eleonora, Lovisa Ulrica e Gustavo III hanno dato un forte contributo alla decorazione del piano di rappresentanza.

Il castello del XVI secolo fu raso al suolo il 30 dicembre 1661. All'inizio di quell'anno, il castello era stato acquistato dalla regina Edvige Eleonora.

Il periodo del grande potere

Dopo il devastante incendio, l'architetto Nicodemus Tessin il Vecchio fu incaricato dalla regina vedova di costruire un castello signorile e nel 1662 iniziò la costruzione dell'attuale castello.

Nicodemus Tessin il Vecchio creò una serie di interni che sono tra i migliori del Paese del primo periodo barocco. Tra questi, lo scalone, il Salone Ehrenstrahl e, non da ultimo, la Camera da letto di Edvige Eleonora.

Alla morte di Tessin il Vecchio nel 1682, il figlio Nicodemus Tessin il Giovane assunse il compito di completare il grande edificio del castello. Risale a questo periodo, tra l'altro, la galleria di Carlo XI.

Un castello per regine

Drottningholm rimase il palazzo delle dame reali e nel 1744 fu regalato come dono di nozze alla principessa Lovisa Ulrica di Prussia, quando sposò l'erede al trono svedese Adolfo Federico.

Il periodo trascorso da Lovisa Ulrika a Drottningholm divenne un'età dell'oro culturale. Il palazzo fu arredato con interni rococò di ispirazione francese. L'Atrio Verde di Lovisa Ulrica ne è un esempio rappresentativo.

Drottningholm riunì molti degli scienziati più importanti dell'epoca. Carl Linnaeus lavorò per elaborare scientificamente la collezione reale di storia naturale.

La biblioteca di Lovisa Ulrica è un brillante monumento di quest'epoca. In questo periodo fu creato anche il famoso teatro del castello.

Nel 1777 lo Stato svedese riscattò Drottningholm e Gustavo III venne a vivere nel palazzo. In questo periodo fu creato il grande parco naturale romantico, che ancora oggi circonda il palazzo barocco e il giardino alla francese, secondo i modelli inglesi.

In alto: Il salone verde è il primo della serie di stanze da parata, e svolge la funzione di atrio per gli altri appartamenti di rappresentanza. Foto: Lisa Raihle Rehbäck/Royalpalaces.se

Il salottino verde. Nel 1747, il salottino di Luisa Ulrica venne completato con pareti rivestite in seta verde, semplici pannelli in legno bianco e oro e altri ornamenti. Foto: Lisa Raihle Rehbäck/Royalpalaces.se

Il palazzo ha subito, nel corso degli anni, ristrutturazioni e aggiunte che ne hanno modificato l’aspetto. Foto: Kate Gabor/Royalpalaces.se

La scalinata del palazzo è la più fastosa e sontuosa mai ideata da Nicodemus Tessin il Vecchio, l’architetto responsabile della progettazione del castello. Foto: Alexis Daflos/Royalpalaces.se

Il Salone Cinese deve il suo nome alla sua stufa in maiolica, ispirata all’arte cinese. Foto: Kate Gabor/Royalpalaces.se

Visit us

You can explore Drottningholm Palace by yourself, but a guided tour will ensure that your visit is particularly memorable.

Read more

Take your children and grandchildren on a trip to Drottningholm. Here, you can go on a lion safari or hunt for gold.

Read more

The Swedish Royal Palaces app includes a number of features to enhance your visit to the Royal Palaces.

Read more

Discover more at Il palazzo di Drottningholm

Nel corso del tempo, due regine hanno lasciato il segno su Drottningholm: Edvige Eleonora, che costruì il palazzo durante l'epoca del Gra...

Read more

Il Palazzo di Drottningholm fu per oltre 400 anni un luogo di intrattenimento e cultura. La regina vedova Edvige Eleonora, la regina Luis...

Read more

Customer service

Opening hours: Closed